Cerca
  • nives vasta

Insegnanti felici cambiano il mondo

· “Presta attenzione non tanto a ciò che devi fare, ma all’intenzione, all’attitudine che ci metti, perchè è il tuo atteggiamento mentale che determina il tuo carattere.

· – Sii grato per quello che hai. Pratica il sorriso. Onora il tempo.

· Quando c’è chiarezza nella visione, c’è concretezza nella realizzazione.

Richard Romagnoli


E in concreto come fare?


Partendo dalla scontata ma non banale affermazione che se non siamo felici, non possiamo aspettarci che lo siano i nostri studenti , credo che la formula sia allenarsi alla felicità, prendersi l’ impegno alla felicità, senza trascurare tutte le sfumature emozionali che la vita a scuola, e non solo, ci impone di vivere, da quelle più “facili” a quelle “meno facili”.


Si tratta di sentire che il mondo è nostro, che possiamo cambiarlo col nostro modo di essere a scuola, senza sentirci intrappolati in un ruolo, nelle sue incombenze e nelle sue oggettive pesantezze.


Si può essere insegnanti, medici, muratori, fabbri, psicanalisti, avvocati, operai ….e una sola cosa farà la differenza: fare il nostro lavoro amando ciò che si fa , inventandosi un margine di personalità e sperimentando la gioia di farlo con passione e con amore.


Questo ci renderà insegnanti felici, persone felici e ci stimolerà a cercare sempre nuovi strumenti per arrivare al cuore degli studenti, nuovi linguaggi per arrivare alla loro mente e non dare mai nulla per scontato, a non far trascorrere giorno senza aver trovato il tempo per studiare, ricercare e sperimentare le modalità e le strategie che ci permettano di vedere realizzato il sogno di educare alla felicità ,nella scuola del nostro Paese, anche nei momenti e nelle situazioni più difficili.


Se ciascuno di noi prima che con la didattica e gli strumenti del nostro lavoro prendesse un impegno alla felicità, costituirebbe in maniera contaminante una comunità, trasformando l’ intera istituzione, che spesso non rende felici i nostri alunni.


Quello che noi facciamo è solo una goccia dell’ oceano, ma se non lo facessimo…l’ oceano avrebbe una goccia in meno (Madre Teresa)


E da questa ispirazione ogni insegnante dovrebbe sentirsi un costruttore di comunità, la comunità dell’ istruzione vissuta come arricchimento, come possibilità di formazione alla vita oltre che ai saperi.

13 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti